Modulazioni

A me qualcosa mi preme ogni volta
Non so bene cosa
A volte inadeguatezza
A volte stanchezza
A volte voglia di morire avvolta dalla pelle di qualcun altro
A volte voglia di piangere il tutto
A volte bisogno di ballare al tempo del mio cuore
A volte vergogna
A volte dolcezza
A volte voglia di mordere le dita del pianista
A volte pesantezza
A volte troppi pensieri troppo veloci
Eppure resto tesa
sul filo del coltello
col mazzo di carte in mano
aspettando la prossima volta
un lampo, una tempesta,
il caos, il buio
noi due, la musica,
il colore del tramonto attraverso la finestra,
la superluna, la strada a casa.
Svegliarsi da un sonno troppo lungo,
solo per un istante,
solo per vederci da lontano,
isolati senza un dio,
passando da si minore a re maggiore,
senza fermare il fiume,
senza abbassare il volume.

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s