Sempre con moto

Vorrebbe il poeta diventare solo anima
scomparire come un animale senza rifugio
lanciarsi all’acqua senza arti
vivere mentre sogna
sublimarsi nel cosmos
vedere il proprio riflesso nello specchietto
come quando si rade la barba
o come quando si fissa negli occhi
Vorrebbe il poeta essere re
percorrere il proprio castello e quello del nemico
vincere la lotteria
dedicarsi alla nobiltà del suo cappuccino
chiudere i fogli del giornale
camminare verso il faro più a nord
uccidere tutti senza uccidere nessuno
suonare il violino in quella chiesa
diventare uomo e diventare dio

e

così ancora
e ancora

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión /  Cambiar )

Google photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google. Cerrar sesión /  Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión /  Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión /  Cambiar )

Conectando a %s